come se fosse domenica

19 Sep

Questo vorrei: che fosse ogni giorno domenica.

Ma non quelle domeniche in cui stai fino a tardi sotto le coperte perché piove, o che ti svegli con la sbronza del sabato sperando che il sole tramonti presto. No.

Vorrei che fosse ogni giorno domenica, come quando ti svegli la mattina presto in una settimana autunnale e scopri che invece c’è il sole, fa caldo, puoi non portare la giacca. E inizi a camminare, a pensare alle cose da fare, a farle senza fretta, perché tutto può aspettare.

E poi ti capita che sena tecnologia qualcuno ti viene a cercare, ti portano a un brunch, hai sempre gente intorno, puoi decidere se andare o restare, nessuno si offenderà. E poi passeggi per il parco, in questo caso Prospect Park, ma potrebbe essere El Buen Retiro, o Villa Borghese, o quello della Reggia di Caserta, e non hai una meta, non hai un orario. Oggi no. E vorresti che il sole non tramontasse mai, che ci fosse ancora quel tepore per altre 6 ore, che nessuno avesse impegni, e che si continuasse a chiacchierare e a ridere di niente, all’infinito.

Questo vorrei che fosse ogni giorno. Come quelle domeniche con i parenti e gli amici, con un barbecue, con tante risate. E la sensazione del tramonto è sempre la stessa di quand’ero bambina, quando la porta si chiude e bisogna mettersi il pigiama, e andare a dormire.

Da grande, però, posso decidere che questa festa non finisca.

No comments yet

Leave a Reply